venerdì 19 settembre 2008

Mai più seminare

I lavori che sto facendo sono verso la fine. Tanto e che sono arrivato al giardino. È un giardino un po' in discesa e seminare adesso, con le piogge in agguato, non mi sembrava una buona idea così ho ordinato 50 m2 di prato pronto, a "rotoli". In Svizzera costa 7 euro, più o meno, al metro quadrato. Il fondo deve essere per prima vangato e pulito dalle erbacce poi una bella rastrellata per pulire i sassi e alla fine un concime per prati erbosi. Siccome bisogna rastrellare tre o quattro volte, anche per rendere il fondo piano, si passa con un rullo. Io uso quello che si riempie d'acqua per aumentare il peso e rendere cosi più compatto il fondo in modo che quando si posa il prato e poi ci si cammina sopra non c'è il rischio che sprofondiamo e creiamo delle irregolarità. Il prato arrivava dalla parte Svizzero Tedesca a 200km da casa nostra. Siccome le vie nel paese sono strette ho dovuto incontrare il camion fuori del paese e caricare tutto sul mio VatiMobil, è il nome del mio camion del 1974.


Una volta sul posto, per portarli giù tutti questi bei rotoli verdi ho ancora fatto uso dell'elicottero. Il peso di questa quantità di prato è di 1000- 1200kg, e per scendere fino alla casa ci sono 50 ripidi scalini. Ecco la bestia volante all'opera, fa anche un po' di paura trovarsi sotto con tutto quel vento che fa.

La posa va fatta come con il parquet, sfalsato. Cosi le giunte saranno sfalsate e dopo 4 settimane non si vedranno più.

Il risultato? Bellissimo, anche il cliente era contentissimo, tanto che sta pensando di farlo anche a casa sua.
Per le prime 5-6 settimane bisogna bagnarlo molto spesso, anche 2-3 volte al giorno. Il primo taglio si fa dopo queste 5-6 settimane, anche prima se cresce in fretta, ma non troppo bassa. Poi si va sempre più bassi fino al'altezza desiderata. L'altezza raccomandata per un prato è di 4-5 cm.
Per chi vuole fare o rifare il prato il momento più adatto è in autunno, cioè adesso. Questo perché le erbacce stano morendo e si preparano per l'inverno, quindi non si ha la noia di doverle strappare. Io trovo che il prato pronto sia più economico per il semplice fatto che non bisogna poi fare le solite risemine e trattamenti contro le erbacce, almeno per i primi due anni. Buon lavoro a tutti.

2 commenti:

Anna ha detto...

Questo post mi piace molto. E' davvero interessante vedere come si svolge il lavoro quotidiano di una persona e come si riescono a risolvere i problemi che si incontrano (addirittura l'elicottero!).
Buon lavoro ^_^
Un saluto
Anna

Roberta Filava ha detto...

complimenti per il lavoro e peri tuo meraviglioso furgone vintage, lo adoro e c'ho fatto un viaggio in gioventù, che ricordo allucinante!! ma dimmi non c'era un sistema più semplice che l'eliccotterò? quanto è costato utilizzarlo? qui avrebbero chiamato una squadra di senegalesi giganti e a frustate e due lire gli avrebbero fatto scaricare i pallet. e un problema di soldi o di cultura e civiltà? me lo continuerò a domandare e ne riparliamo.a presto
roberta